12 Aprile 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

“Devi essere devota della Parola di Dio”.

Carissimi,

con queste parole inizia il XVII capitolo della seconda parte della Filotea. Per meglio comprenderlo riteniamo opportuno richiamare la vostra attenzione sul “Prologo” del Vangelo di San Giovanni (1,1): “In principio era il Verbo (la Parola), il Vervo era presso Dio e il Verbo era Dio”. La Parola, dunque, è lo stesso Gesù Cristo: Parola di Dio incarnata. Ecco la sollecitazione di Francesco: “sia che tu l’oda in conversazioni familiari assieme ai tuoi amici spirituali, sia nella solennità di un sermone, devi ascoltarla sempre con attenzione e rispetto.” Ma ascoltare non basta: potremmo correre il rischio di essere “ascoltatori smemorati” (cfr. Gc 1,25). Continua a leggere

8 Aprile 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

con oggi concludiamo il capitolo che Francesco di Sales dedica al modo di partecipare alla celebrazione Eucaristica. Ieri dicevamo che, nell’arco di questi quattro secoli, la liturgia si è molto avvicinata al fedele che non è più solo colui che “ascolta”, ma partecipa attivamente, “celebra” con il sacerdote il sacrificio di Cristo. Non parliamo poi di alcuni gesti esteriori come lo scambio della pace (quando sarà possibile reinserirlo) o, meglio ancora il ricevere l’Eucarestia nelle mani, impensabile ai tempi di Francesco, che sottolinea non solo il nostro “ricevere”, ma l’accogliere il Signore che ci potrebbe far dire: prima che nella bocca, Signore, ti accolgo nelle mie mani perché diventino operose per la costruzione del Tuo Regno. Continua a leggere

17 Marzo 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

siamo sempre alla Seconda Parte della Filotea e nel Sesto capitolo, che San Francesco di Sales dedica agli “Affetti e Propositi”, leggiamo: “La meditazione arricchisce la volontà, che è la parte affettiva della nostra anima, di buoni movimenti, quali l’amore di Dio e del prossimo, il desiderio del Paradiso e della sua gloria, lo zelo per la salvezza delle anime, l’imitazione della vita di Nostro Signore, la pietà per gli altri, l’ammirazione, la gioia, il timore di cadere in disgrazia di Dio, del suo giudizio, dell’inferno, l’odio per il peccato, la fiducia nella bontà e nella misericordia di Dio, la vergogna per i disordini della vita passata: il nostro spirito deve esprimersi ed allargarsi il più possibile in questi affetti.” Continua a leggere

24 febbraio 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

dopo averci parlato della bellezza del Paradiso, Francesco di Sales ci invita a sceglierlo, a desiderarlo, a meritarlo. La scelta, che potrebbe sembrare scontata, in effetti non lo è in quanto comporta, da parte nostra, una decisione importante: vivere secondo Dio in piena libertà. Egli, il Creatore Onnipotente, agisce, nei confronti delle sue creature, con estrema “democrazia”. Il Salesio, prima di passare direttamente alle considerazioni, ci propone di far lavorare la nostra immaginazione: Continua a leggere

19 febbraio 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

eravamo tentati di saltare la quinta meditazione che San Francesco di Sales ci offre. Perché? Perché tratta di qualcosa che ci riguarda tutti, che spaventa tutti, ma attraverso la quale tutti dovremo passare. Sì, avete capito…stiamo parlando della morte. Poi ci siamo detti che se il Nostro autore ha ritenuto opportuno parlarne proprio nell’ Introduzione alla vita devota, vuol dire che anche questa riflessione ci aiuta ad avvicinarci maggiormente al Signore. Sappiamo benissimo che quello della  morte sarà il momento più solenne di tutta la nostra esistenza, il momento dell’incontro con il Signore nel quale abbiamo creduto, il momento di rivedere tutti i nostri cari che ci hanno preceduto. Continua a leggere

15 febbraio 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

la seconda meditazione che Francesco di Sales ci offre riguarda “il fine per il quale siamo stati creati”. Il “vecchio” catechismo, detto di San Pio X, diceva: “Dio ci ha creati per conoscerlo, amarlo e servirlo in questa vita, e per goderlo nell’altra, in paradiso”. L’attuale Catechismo della Chiesa Cattolica, con altre parole e in modo meno sintetico, dice la stessa cosa. Detto questo, come consiglia Francesco, mettiamoci alla presenza di Dio e chiediamogli di ispirarci sulle tre considerazioni che ci offre: Continua a leggere

13 febbraio 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

nella prima delle dieci “meditazioni” , San Francesco di Sales ci invita a riflettere sulla “Creazione”, non tanto quella degli elementi (terra, cielo, mare, ecc.), ma quella che riguarda ognuno di noi in modo soggettivo e singolare, cioè la nostra creazione. Prima di tutto ci chiede di metterci alla presenza di Dio chiedendogli di ispirarci. Questa è una cosa che dovremmo fare sempre quando vogliamo pregare: chiedere l’ispirazione dello Spirito Santo. Continua a leggere

26 gennaio 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

nel penultimo capoverso della Prefazione alla Filotea, San Francesco di Sales scrive: “Lettore e amico che mi leggi, sono convinto che, proprio perché sono Vescovo, Dio vuole che dipinga sul cuore dei fedeli non soltanto le virtù comuni, ma anche la carissima e amata devozione; da parte mia vi pongo mano volentieri, sia per obbedire e compiere il mio dovere, sia perché nutro la speranza che, imprimendola nelle anime degli altri, anche la mia si troverà a doverla amare”. La “devozione”…Ma cosa è in definitiva? Continua a leggere

20 gennaio 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

oggi affrontiamo, anche se brevemente, l’ultima parte delle “Controversie” che Francesco di Sales dedica al Purgatorio e del quale la chiesa Riformata negava (e nega) l’esistenza. Per meglio comprendere questo concetto dobbiamo, ancora una volta, fare ricorso al Catechismo della Chiesa Cattolica che, nei numeri 1030 e 1031 dice: “Coloro che muoiono nella grazia e nell’amicizia di Dio, ma sono imperfettamente purificati, sebbene siano certi della loro salvezza eterna, vengono però sottoposti, dopo la loro morte, ad una purificazione al fine di ottenere la santità necessaria per entrare nella gioia del cielo… Continua a leggere

29 dicembre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

lasciamo in “attesa” le Controversie e soffermiamoci, ancora una volta (poi capirete il perché), su ciò che caratterizza la figura e l’operato di San Francesco di Sales come uomo, come prete e come vescovo. Lo abbiamo già detto e scritto più volte e la stessa cosa hanno fatto molti altri, più “dotti” di noi: le caratteristiche principali del Santo vescovo sono la dolcezza, la mansuetudine, la misericordia, l’accoglienza dell’altro, che non vanno assolutamente confuse col sentimentalismo, il buonismo o altri atteggiamenti simili. Continua a leggere

28 dicembre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

con la speranza che abbiate potuto trascorrere, seppur nelle ristrettezze dettate dalla pandemia,  un Natale sereno e santo, riprendiamo il nostro cammino in compagnia di San Francesco di Sales. Oggi, però, mettiamo da parte le Controversie e se andate a riguardarvi le date dei momenti importanti della sua vita vi renderete conto che oggi è il 398° anniversario della sua morte. In una lettera del 1613, ad una sua figlia spirituale, aveva scritto: “Gli anni se ne vanno; sfumano via impercettibilmente gli uni dopo gli altri, e mentre passano mettono fine alla nostra vita mortale… Continua a leggere

18 novembre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

anche se liturgicamente è una “memoria facoltativa” per la Chiesa universale, per la Diocesi di Roma la ricorrenza odierna è molto importante: Dedicazione delle Basiliche dei S.S. Pietro e Paolo. Lasciamo la parola agli storici:

“Si dice che l’illustre Principe degli Apostoli fosse sepolto, subito dopo la morte, nel luogo stesso del martirio, sul colle Vaticano. S. Paolo, decapitato alle Acque Salvie, venne deposto lungo la via Ostiense, fuori le mura di Roma e precisamente ove ora sorge l’attuale e grandiosa basilica in suo onore. Continua a leggere

14 novembre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

il 14 (ufficialmente il 16) novembre 1877, il Papa Pio IX promulgò il “Breve” di cui riportiamo il brano iniziale:

“Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo, ma secondo le varie vicissitudini delle cose e dei tempi le somministra sapientemente gli aiuti opportuni. Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero avvolte nelle tenebre delle eresie che ampiamente si dilatavano, non volendo respingere da sé il suo popolo, suscitò provvidamente i nuovi lumi di uomini santi, affinché, illustrati dallo splendore di questi, i figli della Chiesa si confermassero nella verità, e gli stessi prevaricatori si riducessero soavemente all’amore di lei. Continua a leggere

20 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

quante volte abbiamo sentito parlare della Misericordia di Dio? Senz’altro molte e ci saremo accorti anche di averne tanto bisogno. Ma ci siamo mai chiesti come agisce la misericordia divina nella nostra vita di tutti i giorni? Nel TAD il nostro amico Francesco di Sales ci offre alcuni spunti per riflettere: “Abitualmente la sua misericordia converte e gratifica le anime in modo dolce, soave e delicato, tanto che se ne avverte appena il movimento”. Ben conoscendo la nostra natura, il Signore interviene con delicatezza, a volte impercettibile, nel nostro quotidiano. Continua a leggere

13 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

nel primo capitolo del libro decimo del TAD Francesco di Sales ci parla della dolcezza del comandamento che Dio ci ha dato: amarlo sopra tutte le cose. Dice: “L’uomo è la perfezione dell’universo, lo spirito è la perfezione dell’uomo, l’amore quella dello spirito e la carità quella dell’amore: ecco perché l’amore di Dio è il fine, la perfezione e l’eccellenza dell’universo. In questo, Teotimo, consiste la grandezza e il primato del comandamento dell’amore divino che il Salvatore chiama il primo e il più grande comandamento… Continua a leggere

30 settembre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti,

l’altro ieri abbiamo parlato, seppur brevemente, dell’Eucarestia e di quello che Essa rappresenta per noi cristiani cattolici: il corpo e il sangue di Cristo che danno la vera vita e ci aiutano a vivere in comunione con Lui e i fratelli. Non possiamo, però, tralasciare ciò che che la teologia sacramentaria dice a proposito della confessione, il sacramento che, attraverso l’accusa e il perdono dei peccati ci dà la possibilità di accostarci all’Eucarestia in modo “degno”. Continua a leggere

18 luglio 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti,

Francesco di Sales scrive nel TAD: “L’amore è la vita del nostro cuore; e come in contrappeso imprime movimento a tutti gli ingranaggi dell’orologio, così l’amore imprime all’anima tutti i movimenti che ha. Tutti i nostri affetti seguono il nostro amore…”(OEA, V). E se questo è vero per l’amore umano, tanto più lo è per l’amore di Dio. San Paolo così scriveva ai Romani (e anche agli altri): “Chi ci separerà dunque dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? (8,35). Continua a leggere

16 maggio 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti, vicini e lontani,

il brano che abbiamo letto oggi (Atti 16,1-10), pone alla nostra attenzione il secondo viaggio missionario di Paolo. A Listra egli conosce Timoteo figlio di una giudea divenuta cristiana   e lo invita a seguirlo. Ma c’è una difficoltà: la comunità sa che Timoteo è figlio di un greco e, dunque, non è stato circonciso. Continua a leggere

13 maggio 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti, vicini e lontani,

che cosa è un Concilio? La parola deriva dal latino “concilium”, cioè convocazione, convegno. Nel linguaggio della Chiesa indica un incontro plenario dei responsabili delle singole Chiese “particolari” (diocesi). A parte il primo, “celebrato” a Gerusalemme alla presenza di alcuni degli Apostoli, di cui inizia a parlare il brano odierno (Atti 15,1-6), la Chiesa Cattolica ne riconosce 21, alcuni dei quali detti “ecumenici” cioè universali. Continua a leggere

2 maggio 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti, vicini e lontani,

ogni promessa è debito e dunque prendiamo in mano il brano di ieri, venerdì (Atti 9,1-20). Vi ricordate di quel Saulo ai piedi del quale coloro che lapidavano Stefano deposero i loro mantelli? Ebbene, poco tempo dopo, probabilmente nello stesso anno, quel giovane, fariseo in quanto alla legge, diventa uno dei persecutori più accaniti della nuova dottrina predicata dai discepoli tanto da chiedere l’autorizzazione del sommo sacerdote per fare una “retata” di cristiani a Damasco per poi condurli a Gerusalemme, in catene, per il giudizio del sinedrio. Continua a leggere