3 giugno 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti,

oggi, nel calendario liturgico generale, ricorre la memoria di San Carlo Lwanga e i suoi compagni, martiri tra il 1885 e il 1887, in Uganda. Ma in questo giorno ricorre anche l’anniversario dell’entrata nel Regno dei Cieli di San Giovanni XXIII, il Papa buono, che “è stato Pietro” dal 28 ottobre 1958 al 3 giugno 1963, e che molti di noi ricordano con affetto. E anche se la memoria liturgica è stata fissata all’11 ottobre, il “pensiero” di oggi è dedicato a lui in modo poetico. Forse qualcuno ricorda che nel 2016, l’Anno della Misericordia, scrissi quattordici poesie in vernacolo romanesco, una per ogni opera di misericordia spirituale e corporale e una di queste, dal titolo “Cristo a Reggina Coeli”, che faceva riferimento al “Visitare i carcerati” aveva, come personaggio centrale, proprio quest’uomo di Dio. Ora, vogliamo riproporvela scusandoci se vi porterà via un po’ più di tempo del solito. Ci scusiamo con coloro che sono oltre Po…ma dai che il romanesco lo capiscono tutti…anche i gagni.

CRISTO A REGGINA COELI ( Ovvero: Visitare i carcerati)

Angelo e Giuseppe l’aveveno chiamato
quer pupo paffutello er giorno ch’era nato.
‘Na semplice famija de pori contadini,
quarto de ‘na tribbù de tanti rigazzini.

«Tu, prima de la scola, devi d’annà ‘n campagna,
-je disse er padre ‘n giorno-, perché sinnò ‘n se magna».
Lui der sapè le cose ciaveva ‘na gran sete,
e allora disse ar padre: «Vojo diventà prete».

Coi sòrdi de ‘no zio partì pe’ er seminario
e doppo che fu prete diventò er segretario
de ‘n vescovo famoso che s’era dedicato
a sta co’ l’operai e cor popolo affamato.

Fece puro cariera, anche si sotto sotto,
comme diceva lui, restò contadinotto.
Der Papa ambasciatore, fu Nunzio in Burgaria
e doppo quarche tempo puranco giù ‘n Turchia.

Erano tempi scuri, la fame e poi la guera,
mannato fu a Pariggi in mezzo a sta bufera.
Dio sa quanti giudii dai nazzi ricercati
facenno carte farse dar gasse avrà salvati!

2

Tornato da la Francia tra tanti onori e eloggi
fu fatto Patriarca de la città dei Doggi.
E quanto je piaceva, giranno pe’ le calli
parlà cor popolino, ar Cardinal Roncalli.

Cinque anni lì in laguna, da tutti tanto amato,
e più che er Patriarca, sembrava ‘n bon curato.
Ha scritto ner diario che furono anni belli,
ma ‘n giorno, era d’autunno, morì Papa Pacelli.

Doveva venì a Roma e allora tanta gente
annava a salutallo comme fusse ‘n parente.
E lui diceva a tutti: «Tranquilli, ce se vede»,
manco l’immagginava quer che stava a succede.

In fila i porporati agnedero in Conclave.
Dicenno: «Fori tutti», quarcuno chiuse a chiave.
Là, drento la Sistina lui se guardava attorno
pensanno: «Famo presto, sortanto quarche giorno.

Io ciò da fa a Venezia, ciò troppe cose ‘n ballo,
speramo, quanto meno, de ‘n rimanè a lo stallo».
E poi, doppo tre giorni, successe er fatto strano:
l’elessero, a sorpresa, Pontefice Romano.

3

Li cardinali, furbi, se strinsero la mano
pe’ elegge ‘n omo pio, però che fusse anziano
dicenno: «Dura poco, sarà de transizzione».
Lui disse “sì” e la barca se prese sur groppone.

Nisuno s’aspettava che ‘n Papa ‘n po’ anzianotto
t’avrebbe combinato davero ‘n quarantotto.
A comincià dar nome, ‘na storia ‘n po’ passata:
«Giovanni», disse e ar toro la testa fu tajata.

Pensanno ai rigazzini, ner giorno de Natale,
ar segretario disse: «Annamo all’ospedale».
Aho! ‘n s’era mai visto, pareva propio strano
che ‘n Papa zitto zitto, lasciasse er Vaticano.

«Ma Santità che fate?», je disse ‘n cardinale.
«Sempricemente er Papa, perché che c’è de male?
-rispose co’ la lingua che nun ciaveva peli-,
anzi, domani vado puro a Reggina Coeli!»

A più de qualcheduno je s’addrizzò er capello,
ma lui tutto tranquillo se presentò ar cancello
der gabbio dei romani dicenno: «Ch’è permesso?
Scusate se disturbo, ma so’ arivato adesso».

4

Li ladri, li magnaccia e puro l’assassini
piagneveno ‘n ginocchio comme li rigazzini.
A ‘st’ommini de mala vero nun je pareva
de sta davanti ar Papa che li benediceva.

Poi disse: «So’ contento de sta qui ‘n mezzo a voi
anche si quarcun artro m’ha detto “No, nun pòi
annà dai dilinquenti perché nun s’è mai visto”.
J’ho detto “Io ce vado perché l’ha detto Cristo”.

Ve vojo dì ‘na cosa: quann’ero pischelletto
‘n caro parente mio, cacciava in un boschetto,
però senza licenza. Madama l’ha beccato,
così quer poveretto fu preso e carcerato.

Io ‘n so che avete fatto, – poi disse a quella gente, -
magari ‘n mezzo a voi ce sta quarche innocente.
C’è forse chi pe’ fame avrà puro arubbato,
quarche arto che, purtroppo, quarcuno avrà ammazzato.

Dio ch’è Misericordia ve porta drento ar còre,
ve doni la speranza de ritrovà l’onore.
E poi, si permettete, ve vojo dì che anch’io
voi tutti, qui presenti, porto ner còre mio.

5

E mo, cari fijetti, dai famo ‘na preghiera
perché so’ vecchierello e già s’è fatta sera.
De tutto sto momento ciavrò sempre er ricordo.
Che fate? Mo piagnete? Ma no, io nun ve scordo».

Ma mentre se n’annava, un certo galeotto
se distaccò dar gruppo e je se fece sotto.
Poi co le mani giunte se mise a ginocchioni
e s’asciugò cor braccio du’ grossi lacrimoni.

Je disse: «Padre Santo, quello c’avete detto
me fa venì er magone, m’ha preso drento ar petto.
Ma voi sète sicuro che ‘sto gran peccatore
sta drento li pensieri der nostro Sarvatore?»

Er Papa restò zitto, guardannolo ner viso,
co’  quer faccione tònno je fece ‘n gran soriso.
Poi j’allungò la mano pe’ fallo mette ‘n piedi,
l’abbracciò forte forte e coll’occhi disse “Credi”.

Quer Papa rubiconno cor fare bonaccione
portò drento a la Chiesa ‘na gran rivoluzzione.
Parlanno ai cardinali, nun ce fu visibbilio
quanno disse a sorpresa: «Io vojo fa ‘n Concilio».

6

Nun so si lo sapete, ma tanti porporati
davanti a sta notizzia rimasero spiazzati.
Quarcuno disse: «E’ giusto», quarche artro: «’N c’è raggione
qui annamo a scatafascio, nun c’è più religgione!»

Voleva riposasse ‘na sera co’ la mente,
ma er segretario disse: «C’è ‘n piazza tanta gente».
S’affacciò a la finestra, disse solo du’ cose,
ma er monno le ricorda come meravijose.

Poi ner sessantadue stava a scoppià ‘na guera
de quelle nucleari, da sconquassà la tera.
Lui s’attaccò a la radio dicenno chiaro e forte:
«Ve prego, fate pace o vincerà la morte!»

Da tempo già sapeva d’avecce un male brutto
e che la Chiesa, presto, ciavrebbe avuto er lutto.
La sera der trapasso, cor solito soriso
disse: «No, nun piagnete» e annò su ‘n Paradiso.

Co’  ‘n po’ de fantasia, l’ho fatto già ‘na vorta,
ve dico ch’è successo quanno arivò a la porta.
San Pietro j’annò ‘ncontro e se lo strinse ar petto
dicenno: «Ciao collega è ‘n pezzo che t’aspetto».

7

«Scusateme er ritardo, ciavevo ‘na questione.
Co’ sto Concilio in piedi, c’è po’ de confusione».
«Lo so, -rispose Pietro salenno li scalini,-
ma tu mo sta tranquillo, ce penserà Montini».

Lo prese sottobraccio dicenno: «Annamo in fretta
che ce sta er Grande Capo de sopra che ciaspetta».
«Scusa si vado piano, lo sai so’ vecchiarello».
Ridenno Pietro disse: «Perché io so’  ‘n pischello?»

Quanno furono ‘n cima, ancora cor fiatone,
San Pietro disse: «Io vado, tu entra in quer portone».
Er Papa intimorito: «E che me lassi adesso?»
«Scusa, – rispose Pietro,- cio da tornà all’ingresso».

Prese coraggio. Entranno vide ne ‘sto salotto
un omo, era de schina, vestito da galeotto.
Je disse: «Scusi tanto, cercavo er Direttore…
Pardon, me so’ sbajato, volevo dì er Signore».

Quello girò la testa e disse: «Benvenuto».
Era Gesù vestito come quer detenuto.
Cor vorto luminoso je disse: «Hai fatto tanto
pe’ me quann’ero ar gabbio. E mo te faccio santo».

P.G.

Preghiamo:

Signore, Tu hai voluto donare alla tua Chiesa il santo Papa Giovanni XXIII perché, attraverso la sua semplicità e la sua saggezza, la Chiesa potesse rinnovarsi attraverso il Concilio da lui convocato. Fa’ che il Tuo Spirito soffi forte su ognuno di noi e sull’intera famiglia umana e, per l’intercessione del Papa Buono, trasformi i nostri cuori rendendoli docili alla Tua Parola. Amen

A tutti, nel ricordo di San Giovanni XXIII, l’augurio di una buona e santa giornata,

PG&PGR

I commenti sono chiusi.