14 novembre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

il 14 (ufficialmente il 16) novembre 1877, il Papa Pio IX promulgò il “Breve” di cui riportiamo il brano iniziale:

“Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo, ma secondo le varie vicissitudini delle cose e dei tempi le somministra sapientemente gli aiuti opportuni. Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero avvolte nelle tenebre delle eresie che ampiamente si dilatavano, non volendo respingere da sé il suo popolo, suscitò provvidamente i nuovi lumi di uomini santi, affinché, illustrati dallo splendore di questi, i figli della Chiesa si confermassero nella verità, e gli stessi prevaricatori si riducessero soavemente all’amore di lei. Francesco di Sales Vescovo di Ginevra, esemplare d’inclita santità e maestro della vera e pia dottrina, fu nel novero di tali chiarissimi uomini: egli non solo con la voce, ma anche con immortali scritti, trafisse i mostri degli insorgenti errori, consolidò la fede, abbattuti i vizi emendò i costumi, e a tutti mostrò la via che conduce al cielo.”

Con lo stesso documento il Pontefice riconosce a San Francesco di Sales il titolo di “Dottore della Chiesa”. Ma cosa significa questo titolo?

Molto brevemente possiamo dire che la Chiesa Cattolica riconosce questo titolo a quei suoi figli che, con la loro vita, le parole e gli scritti, hanno indicato ai loro fratelli e sorelle la vera via per seguire gli insegnamenti del Vangelo per vivere più uniti a Dio.

Ma permetteteci di aggiungere qualcosa: l’ordinamento italiano degli studi riserva il titolo di “dottore” a coloro che hanno raggiunto il grado più alto dell’iter universitario con un “dottorato di ricerca”. Ma più comunemente con lo stesso titolo indichiamo il medico, cioè colui che si prende cura della nostra salute fisica o psichica. In un certo modo anche il “Dottore della Chiesa” si prende cura della salute, quella spirituale, della Chiesa stessa e di tutti i suoi membri. Sappiamo bene che nei suoi 2000 anni di vita, non sempre Essa è stata esemplare a causa della debolezza umana di tanti uomini che…hanno perso di vista il Vangelo. Ma Dio, attraverso alcuni personaggi (dottori e non) ha voluto “curare” i mali di questa “creatura” fondata dal suo Figlio Gesù. La Chiesa, barca di Pietro, sballottata dalle onde di un mondo sempre più egoista, ha trovato, in ogni secolo, qualche “timoniere” (più o meno conosciuto) che ha saputo rimetterla sulla rotta giusta. In fondo essere “Dottore della Chiesa” significa essere, prima di tutto, dottori di se stessi alla scuola del Vangelo. Francesco di Sales aveva capito tutto questo. E se provassimo ad esserlo tutti?

Preghiamo

Signore, la storia della Chiesa è costellata di figure che, forti della loro Fede, in questi venti secoli, hanno indicato ai fratelli la strada per imparare ad amare Te e il prossimo, curando le malattie spirituali derivanti dalla mentalità mondana dilagante. Aiutaci a seguirne le orme per divenire anche noi “ausiliari della sanità”…spirituale. Amen

Con l’augurio di imparare a lasciarci curare da Cristo, medico delle anime, buona giornata,

PG&PGR

I commenti sono chiusi.