26 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

In primo piano

Carissimi,

quante volte abbiamo sentito parlare di “conversione”? Nella Sacra scrittura questo termine è ricorrente, tanto nell’Antico quanto nel Nuovo Testamento e l’invito alla conversione è rivolto, soprattutto, a persone che avevano già scelto di vivere secondo la Legge. Questo significa che la conversione, quella vera, deve valicarne i confini e puntare a fare di Dio il centro della propria esistenza. Francesco di Sales, nella Filotea, ci suggerisce come chiedere al Signore il dono della vera conversione. E’ un testo un po’ lungo, ma crediamo che valga la pena di dedicargli qualche minuto in più: Continua a leggere

24 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

ome spesso accade a coloro che hanno incarichi di responsabilità, anche San Francesco di Sales non è stato esente da critiche e calunnie. E questo non ci meraviglia! La maldicenza, da sempre, sembra essere uno tra gli “sport” più praticati. Se poi è diretta all’indirizzo di preti, vescovi, papi… Quello che ci rincuora sono le parole di Gesù: “Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi…”(Mt 5,11); e ancora: “Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi…”(Lc 6,26). Continua a leggere

23 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

crediamo che tante volte ci abbiate sentito dire, nella predicazione, che il Signore, per tenerci uniti a Lui nel vivere quotidiano, mette a nostra disposizione tre “vie” principali: l’ascolto e la meditazione della Parola di Dio con la volontà di viverla; la preghiera, da riscoprire, più che come richiesta, come ringraziamento e dialogo col Signore; i sacramenti che ci uniscono più intimamente a Lui e nei quali ci viene elargita la vita divina. Oggi vogliamo soffermarci su questi ultimi. Nel libro dei “Trattenimenti”, nella traduzione del mai dimenticato P. Ruggero Balboni, Francesco di Sales dice: Continua a leggere

22 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

oggi la Chiesa celebra la memoria di San Giovanni Paolo II. Siamo certi che a San Francesco di Sales non dispiacerà cedere, in questo giorno, il passo ad un Santo Papa che nel lontano 1994, nell’ambito della Visita Pastorale alle Parrocchie romane, ha visitato anche la nostra comunità parrocchiale a lui intitolata. Molti di voi quel giorno erano presenti, altri troppo giovani per ricordarlo; noi, a circa 700 chilometri di distanza, ma eravamo presenti spiritualmente. In questa ricorrenza abbiamo pensato di riproporvi, in modo integrale, il discorso che il Papa tenne in quell’occasione. Certamente, da allora, tante cose sono cambiate, ma siamo certi che non è cambiata la voglia di “fare Chiesa”. Continua a leggere

21 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

tutti siamo chiamati ad edificare “la casa di Dio”, cioè la Chiesa. Non ci riferiamo a quella fatta di mattoni, ma di anime attente alla volontà di Dio, a cominciare dalla nostra. Occorre, però, come dovrebbe fare ogni buon tecnico, controllare che i “materiali” siano quelli giusti e destinati a durare nel tempo. Anche la nostra anima ha bisogno di questi “controlli” continui per evitarne l’appesantimento. Francesco di Sales, nella Filotea, scrive: “Rifletti più di una volta al giorno, ma almeno sera e mattina, se è vero che hai il dominio della tua anima; esaminati per renderti conto se non te l’abbia sottratta qualche passione o l’agitazione. Continua a leggere

19 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

ieri, anche se domenica, ricorreva la festa di San Luca Evangelista. Discepolo di San Paolo, nel suo Vangelo ne riporta la predicazione. E’ anche l’autore del libro degli “Atti degli Apostoli” che abbiamo riletto insieme prima di “passare il testimone” agli scritti di San Francesco di Sales. Luca, secondo la tradizione, è nato ad Antiochia da famiglia pagana; medico di professione e pittore per passione, si convertì al cristianesimo e divenne discepolo e compagno di viaggio di Paolo. Continua a leggere

17 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

“Com’è glorioso essere un sole al tramonto, lontano dal mondo, verso Dio. Possa io elevarmi alla tua presenza». Non sono parole di Francesco di Sales, ma di Sant’Ignazio di Antiochia, martire e primo successore di Pietro come vescovo di quella città, di cui oggi ricorre la memoria. Una frase storica che esprime il suo profondo desiderio di unirsi al Salvatore attraverso il martirio. Francesco di Sales, lo sappiamo, ha dedicato all’Amore di Dio tutto il suo “Trattato” e tante volte cita l’esempio dei coloro che hanno sacrificato, attraverso il martirio, la propria vita. Continua a leggere

16 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

a chi di noi non è mai capitato di essere criticato per alcune scelte fatte? A volte si tratta di critiche “costruttive” che possono aiutare a migliorare alcune situazioni…e queste ben vengano. Ma il più delle volte… E questo può far scattare, in noi, quel senso di auto-difesa che ci fa partire al “contrattacco”. E’ proprio in questi momenti che dovrebbe entrare in gioco la nostra umiltà! Oggi ricorre la memoria di Santa Margherita Maria Alacoque, suora della Visitazione di S. Maria, alla quale si deve l’espansione della devozione al Sacro Cuore di Gesù. Continua a leggere

15 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

oggi la Chiesa celebra la memoria di Santa Teresa di Gesù, conosciuta più comunemente come Santa Teresa d’Avila e, per gli “addetti ai lavori”, Santa Teresona, per distinguerla da Santa Teresina (di Lisieux). Nata ad Avila, in Spagna, nel 1515, fu donna di eccezionali talenti di mente e di cuore. Fuggita di casa, entrò a venti anni nel Carmelo di Avila. Il suo percorso non fu facile, ma l’incontro con alcuni direttori spirituali la lanciò a grandi passi verso la perfezione. Continua a leggere

14 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

crediamo che tutti, ormai, abbiano capito che Francesco di Sales, nei suoi scritti, è molto chiaro ed…esigente. La stessa esigenza che imponeva a se stesso soprattutto nell’affrontare le grandi difficoltà della vita. Scrive nella Filotea: “Preparati a soffrire un gran numero di afflizioni per il Signore, fors’anche il martirio; deciditi a fargli dono di quanto hai di più prezioso, sempre che di degni di accettare: padre, madre, fratello, marito moglie. Figli, i tuoi occhi e la tua vita; a tutto ciò devi preparare il cuore”. Continua a leggere

12 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

attraverso la Filotea, Francesco di Sales ci pone questa domanda: “Che cosa abbiamo di buono che non ci sia stato dato da Dio? E se ci è stato dato, perché insuperbircene? E’ proprio il contrario: la seria riflessione sui doni ricevuti ci rende umili; la conoscenza genera la riconoscenza. Ma se poi, vedendo i doni di Dio in noi, venisse a solleticarci in qualche modo la vanità, c’è sempre pronto un rimedio infallibile: pensiamo alla nostra ingratitudine, alla nostra imperfezione, alla nostra miseria: se pensiamo ai guai che abbiamo combinato quando Dio non era con noi, scopriremo subito che quanto di buono riusciamo ad imbastire con Lui, non è del nostro stile e del nostro sacco. Continua a leggere

10 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

per quanto ci si possa impegnare, non riusciremo mai a capire sufficientemente i piani di Dio e i mezzi che Egli usa per realizzarli…attraverso la nostra volontà che, se noi siamo veramente animati dal suo amore, si “arrende” alla Sua. Dunque la domanda che possiamo farci è: amo Dio veramente? Nelle Esortazioni Francesco di Sales ci indica la strada per poter dare una risposta a questa domanda: “Un segno, per sapere se amate Dio sul serio, è vedere se amate molte altre cose assieme a lui, come ho detto (ma ciò va inteso di un amore forte e potente); infatti, voi sapete che quando si amano insieme molte cose, si amano di un amore meno forte e meno perfetto. Continua a leggere

9 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

anche le cose più belle, fatte con amore per Dio e per gli altri, possono subire dei cambiamenti che forse, in un primo momento, sembrano gravosi fino al punto di vederle snaturate. Siamo certi però che, se questi cambiamenti dipendono dal compiersi della volontà di Dio, tutto andrà per il meglio. In una lettera Francesco di Sales scrive: “Dio mio, come inganna la vita presente! Quanto è desiderabile l’eternità, e come sono felici coloro che vi aspirano”. Aspirare all’eternità non vuol dire sperare di lasciare quanto prima questa vita che è un dono di Dio, ma avere la certezza che, al termine di questa, ci attende qualcosa di immensamente più grande. Continua a leggere

8 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

vi siete mai chiesti che cosa è l’indifferenza? Nell’uso comune questo termine indica il comportamento biasimevole di chi, in una determinata circostanza o per abitudine, non mostra interessamento, simpatia, partecipazione affettiva, turbamento o altre emozioni. Completamente diverso è il significato dello stesso termine nel campo teologico dell’ascesi che lo definisce come lo stato, necessario al conseguimento della vita perfetta, in cui si rinuncia ad ogni scelta finché non si conosce la volontà di Dio per uniformarsi completamente ad essa. Continua a leggere

7 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

“la festa odierna, Beata Vergine Maria del Santo Rosario, ci ricorda il giorno in cui i Cristiani riportarono la vittoria contro i Turchi a Lepanto nel 1571. S. Pio V la istituì sotto il titolo di S. Maria della Vittoria e due anni dopo Gregorio XIII la confermava, mutandone il nome in quello di festa del S. Rosario. A ragione questa vittoria venne attribuita alla SS. Vergine poiché, mentre a Lepanto si combatteva, in tutta la cristianità si recitava il Rosario. Erano milioni di fedeli, con a capo il Papa, che pregavano affinché la “scimitarra degli infedeli” non giungesse a far strage nelle nostre contrade, com’era preciso disegno dei Turchi. Continua a leggere

6 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi (ormai il “tutti” è sottinteso),

quello di oggi è un pensiero un po’ difficile da “digerire” in quanto parleremo, seppur brevemente, della pazienza nella sofferenza e nella malattia. Certamente a tutti noi è capitato di dover affrontare qualche problema, più o meno importante, riguardante la salute del corpo. Francesco di Sales affronta più volte e in più scritti questo tema e nell’IVD scrive: “Quando sarai colpito dal male, contrapponi tutti i rimedi che Dio ha messo a tua disposizione; agire diversamente sarebbe tentare la divina Maestà: ma una volta fatto ciò, aspetta con fiducia totale l’effetto che Dio vorrà loro concedere. Continua a leggere

5 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti,

nel libro delle Esortazioni, e precisamente in quella della domenica dopo Pentecoste, Francesco di Sales si sofferma, ancora una volta, sul tema dell’Amore di Dio e del prossimo e la sua riflessione parte dal brano di Luca 10,25-27: “ Un dottore della legge si alzò per mettere Gesù alla prova: “Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna? ”. Gesù gli disse: “Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi? ”. Costui rispose: “ Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso”. Continua a leggere

3 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti,

domani è domenica, ma è anche il 4 ottobre, Festa di San Francesco d’Assisi (1181/2-1226), patrono d’Italia, uno dei santi più conosciuti amati e venerati nella Chiesa. Il suo vero nome era Giovanni…scusate se è poco…! Non stiamo qui a narrare la sua storia che tutti conosciamo. Ci limitiamo a ricordare un solo fatto: anche lui, come San Paolo, Sant’Agostino, Sant’Ignazio di Loyola, e molti altri, prima della conversione era stato un po’…mascalzoncello…! Ma quando lasci che Dio ti tocchi il cuore, tutto cambia! Continua a leggere

2 ottobre 2020: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi tutti,

come già detto in occasione della festa dei Santi Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele, oggi facciamo memoria dei Santi Angeli custodi. Ma conosciamo il nome del nostro angelo custode? Una pia e vecchia tradizione dice che “il primo nome che viene in mente dopo aver ricevuto la prima comunione, quello è il nome del tuo angelo custode”. Sarà così? Sinceramente non lo sappiamo. Certo è che ognuno di noi ha il suo che veglia su di lui. Continua a leggere