11 Ottobre 2021: Messaggio alla Comunità Parrocchiale

Carissimi,

prosegue San Francesco di Sales: “La gente rispettabile pensa alla tavola quando si siede, e dopo il pasto si lava le mani e la bocca per non sentire più né l’odore, né il sapore di quello che ha mangiato. L’elefante è un gran bestione, ma è il più degno degli animali ed ha buon senso: voglio raccontarvi un aspetto della sua onestà. Non cambia mai femmina e ama teneramente quella che ha scelto, con la quale si accoppia soltanto ogni tre anni e per cinque giorni; si circonda di tanto segreto che non è mai stato possibile sorprenderlo in quell’atto; si fa vedere apertamente il sesto giorno quando si reca al fiume per un bagno totale, perché non vuole rientrare nel branco senza essersi totalmente purificato. Sembra quasi che il comportamento così bello e onesto di quest’animale inviti gli sposi a non rimanere impantanati col cuore nelle sensualità e nei piaceri provati secondo la loro condizione; ma una volta passati, bisogna lavarne il cuore e gli affetti, purificarsi il più presto possibile, per potere in seguito, in libertà di spirito, affrontare le altre azioni più pulite ed elevate del proprio stato. In questo consiglio è racchiusa la pratica della meravigliosa dottrina che S. Paolo consegna ai Corinzi; dice: Il tempo è breve, coloro che hanno moglie si comportino come se non l’avessero. Perché, secondo S. Gregorio, avere una donna come se non si avesse vuol dire prendere assieme a lei i piaceri corporali in modo tale da non essere distolti dalle aspirazioni dello spirito. Quello che si dice del marito, si applica logicamente anche alla moglie. Coloro che usano del mondo, continua l’apostolo, siano come se non ne usassero. Tutti si servano pure del mondo, secondo la propria vocazione, ma senza impegnare l’affetto, in modo da essere sempre liberi e pronti a servire Dio senza che il mondo ci sia di ostacolo. Dice S. Agostino: ” E’ il grande male dell’uomo pretendere di godere di quelle cose di cui deve soltanto servirsi, e volersi servire di quelle per le quali deve soltanto provare gioia “. Noi dobbiamo godere delle cose spirituali e di quelle corporali soltanto servircene; quando noi trasformiamo in godimento l’uso delle cose corporali, anche la nostra anima da ragionevole diventa bruta e bestiale. Penso di aver detto tutto quello che volevo dire, ed essere riuscito a far capire senza dirlo quello che non volevo dire.

(Fine del XXXIX capitolo)

Buona giornata,

PG&PGR

I commenti sono chiusi.